Ballata dei dodici mesi

Ecco la poesia di Sara, 11 anni (1 maggio 2004).

Con la neve di gennaio,
fa un pupazzo, fanne un paio.

L’acquazzone di febbraio
scioglie il ghiaccio ed il nevaio.

Marzo: chiudi la finestra.
danza al vento la ginestra!

Sii cortese, sii gentile
con le primule d’aprile!

Quanti agnelli sono nati!
Maggio suona di belati!

Gelsomini e tulipani
porta giugno tra le mani.

Luglio porta tanti gigli
e garofani vermigli.

In agosto non è strano
far dei fasci con il grano.

Ha settembre tanti frutti!
Son squisiti proprio tutti!

In ottobre dal fagiano,
cacciatore stai lontano!

C’è novembre, già alle porte,
vengon giù le foglie morte.

Buon Natale! Ciò che voglio
da dicembre è l’agrifoglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?