Filastrocca dei frutti d’autunno

Ecco la poesia scritta dai bambini della classe II A della scuola primaria di Montalcino. (14 dicembre 2007).

Quanta frutta ha portato ogni alunno!
Un rametto di olive nere
grandi e mature come le pere.
Dentro i ricci tante castagne
al calduccio come nel forno le lasagne.
Dal cestino cade una noce
e rotola giù assai veloce.
Tanti chicchi di uva bianca
tutti appesi ad una foglia stanca.
Gialle e rosse sono le mele
con le foglie a forma di vele.
Con il loro profumo i mandarini
piacciono tanto a tutti i bambini.
Polposi e dolci sono i pomi
paffuti e rotondi come gli Gnomi.
Tanti chicchi nelle melagrane
se sei fortunato, te li portano le Befane.
Una dolce bacca di corbezzolo o biaciurlo
fa cantare di gioia anche il Chiurlo.
Diventano dolci le mandorle amare
se una torta ci sai preparare.

ADV

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

 

Dove vuoi andare?