Raccontami una fiaba: La favola del paese di cuccagna

Durante le vacanze, quando i bambini sono così liberi che pensano di poter fare tutto e il contrario di tutto, ...

scopri...

Peppa Pig: disegni da colorare e libri

Chi non conosce la simpaticissima maialina Peppa Pig, beniamina di tutti i bambini? Son certa che ogni bambino in ...

scopri...

La marcia dei diritti

Dallo spettacolo "Hanno ragione i bambini" - Testo e musiche di Francesco Rinaldi - Paoline Editoriale Audiovisivi, Roma, 2000

Se vi piace questa canzone, dovete ringraziare Nicola. (4 novembre 2005).

Un-due, un-due, un-due, un-due.
È la marcia dei diritti dei bambini.
Della Carta dei Diritti dei bambini… Marsch!

Ho aperto un libricino
e ho letto che un bambino
da mangiare non ce l’ha.
E c’è chi non ha da bere
con il rischio di morire:
senza acqua come fa?
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo.

Ho sfogliato bene bene
quelle foto di bambine
invecchiate dal lavoro.
E di quelli senza un tetto
e di quelli senza affetto
senza un poco di decoro.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,
l’ha spiegato la maestra
c’è una carta scritta apposta
per difendere i bambini.
Tutti i capi delle nazioni
hanno fatto le riunioni:
hanno detto e hanno scritto
sui diritti dei bambini
Allora perché? Allora perché?

Quando gioco al girotondo,
penso che su questo mondo
c’è qualcosa che non va.
Che ci sono dei bambini,
sulle strade abbandonati
senza mamma né papà.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo.

Poi da un’altra parte ancora
c’è chi non può andare a scuola.
Chi giocattoli non ha.
E c’è pure chi si ammala
e gli manca quella cura
che il suo medico non ha.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,
l’ha spiegato la maestra
c’è una carta scritta apposta
per difendere i bambini.
Tutti i capi delle nazioni
hanno fatto le riunioni:
hanno detto e hanno scritto
sui diritti dei bambini.
Allora perché? Allora perché?
Allora perché?

C’è un bambino che lavora,
chi subisce una tortura.
Chi è venduto come schiavo.
Chi è costretta per le strade
già per vendere l’amore
da qualcuno assai cattivo.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo.

C’è chi muore appena nato:
non è stato vaccinato.
C’è chi cresce malnutrito.
C’è chi viene emarginato,
c’è chi un handicap ha avuto.
C’è chi viene malmenato.
Ma come fanno, io non ci credo.
Non si può fare, io non ci credo. Non si può.

I diritti sono di tutti,
l’ha spiegato la maestra
c’è una Carta scritta apposta
per difendere i bambini.
Tutti i capi delle nazioni
hanno fatto le riunioni:
hanno detto e hanno scritto
sui diritti dei bambini
Con la Carta, il futuro migliore sarà.

Un-due, un-due, un-due, un-due.
È la marcia dei diritti dei bambini.
Della Carta dei Diritti dei bambini.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)

7 risposte a “La marcia dei diritti”

  1. allalalalallala scrive:

    bello!!

  2. Ciao!!! scrive:

    Ciao, io sono Marta quando ero più piccoloa con questo spettacolo ci ho fatto la recita in 4^ elementare. è stato bellisimo le nostre maestre ci avevano proprio azzeccato!!

  3. lee soo yeon scrive:

    Io questa canzone la faccio quest’anno che sto in quinta.

  4. sathya scrive:

    wow favolosa! in questo anno ci insegna molte cose non solo a noi ma a tutti

  5. veronica scrive:

    bellissima questa canzone. avreste anche la base musicale dove poter far cantare i bambini? vi lascio il mio indirizzo email. grazie in anticipo per l attenzione

Lascia un Commento