La preghiera del milite ignoto

di Renzo Pezzani

Se vi piace questa poesia ringraziate Fiorelisa (16 gennaio 2006)

Fratello senza nome e senza volto
da una verde trincea t’han dissepolto.
Dormivi un sonno quieto di bambino,
un colpo avea distrutto il tuo piastrino.
Eri solo un fante della guerra,
muto perché ti imbavagliò la terra.
Ora dormi in un’urna di granito,
sempre di lauro fresco rinverdito.
E le madri che non han più veduto
tornare il figlio come te caduto,
nè san dove l’abbian sepolto,
ti chiamano e rimangono in ascolto.
Oh, se mai la voce ti donasse Iddio
per dire, o madre, il figliol tuo son io.

ADV

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

 

Dove vuoi andare?