Pupo biondo

Mario Fagiolo e Fortunato Lay (1927)

Se vi piace questa canzone, in dialetto romanesco, dovete ringraziare Carolina (25 ottobre 2004).

Ciànno forse tutt’e due l’istessa età,
je fiorisce drento ar core un’illusione
e ‘gni vicolo anniscosto ce la sa
tutta quanta la passione.
Lui je cerca la boccuccia ch’è un biggiù
e in un bacio je sussurra a tu-per-tu:

Noi ciavremo ‘na loggetta
cor geranio e le pansè,
tu sarai la regginetta
io m’impegno a fa’ da re.
Regneremo in tutt’er monno
e a l’erede pensa te:
vojo un pupo, un pupo bionno,
p’anninnallo in braccio a me.

Va a la guera la più bella gioventù,
‘gni fanfara s’arisveja e squilla ardita
e lui puro canta alegro e va lassù
Lei cià in seno ‘n’antra vita
e si pensa ar pupo bionno che vierà,
se l’insogna e ce se mette a raggionà:

Quanno arivi pupo bello
mamma tua te fa trovà
l’abbituccio turchinello
tutto pieno de volà.
Mentre un passero cinguetta
e er geranio fiorirà,
aspettamo alla loggetta er ritorno de papà.

Mamma cuce, er pupo compita “papà”
E, guidato da quer trillo, viè un sordato,
a tastoni, come un cieco, chi sarà?
E’ papà, ch’è ritornato!
Se confonneno in un bacio tutt’e tre,
poi papà se strigne er pupo e vò’ sapé:

Pupo, ciài er visetto tonno,
un visetto ch’è un biggiù;
come sei, moretto o bionno,
ciài l’occhioni neri o blu?
Te lo chiedo un’antra vorta,
pupo mio, dimmelo tu:
perché mamma nun s’è accorta
che papà nun vede più.

2 commenti su “Pupo biondo”

  1. mariella says:

    grazie, la stavo cercando

  2. sira says:

    ricordo degli anni quaranta, anni di guerra!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?