San Valentino: linguaggio dei fiori

linguaggio dei fiori

Conoscete il linguaggio dei fiori utile per scegliere il mazzo da regalare a San Valentino?

L’amore di San Valentino per i fiori, si rispecchia anche nella tradizione di regalare appunto dei fiori il 14 febbraio.

I fiori infatti sono il linguaggio privilegiato degli innamorati.

Il significato delle varie specie di fiori ha radici antiche: nella mitologia, nella bibbia, nelle favole è facile trovare accenni ai significati dei vari fiori.

Conoscere il linguaggio dei fiori è anche utile per scegliere il mazzo da regalare per la festa degli innamorati: regalare, infatti, il fiore sbagliato può offendere chi lo riceve o può far passare un messaggio sbagliato da donatore a ricevente.
Per esempio, a vedere l’elenco qui sotto, forse per San Valentino è bene regalare un mazzo di rose rosse, di orchidee o di tulipani rossi, piuttosto che di Lavanda o di Anemoni :)

 

Ecco qui alcuni esempi del significato dei vari fiori:

Rosa = Amore
Rosa Rossa = Passione
Giglio = Purezza
Papavero = Riconoscenza
Rosa Gialla = Infedeltà
Viola del Pensiero = Ricordo
Garofano Rosso = Energia
Edera = Amicizia Profonda
Gardenia = Simpatia
Margherita = Bontà
Narciso = Vanità
Primula = Speranza
Vischio = Fortuna
Orchidea = Totale dedizione
Bucaneve = Speranza
Tulipano rosso = Dichiarazione d’Amore
Tulipano giallo = Amore disperato
Viola Blu = Fedeltà
Viola bianca = Modestia
Lavanda = Sfiducia
Anemone = Abbandono
Non ti scordar di me = Amore vero
Glicine = Amicizia

 

Anche se sono tanti i messaggi che si possono mandare con un fiore, gli innamorati di solito non hanno dubbi e per la Festa di San Valentino preferiscono quasi tutti sempre regalare delle rose rosse!

 

 Buon San Valentino a tutti!


Visita lo Speciale San Valentino

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Dove vuoi andare?