Filastrocca di Pinocchio di Gianni Rodari e Raul Verdini

“Le avventure di Pinocchio” scritto nel 1881 da Collodi (Pseudonimo dello scrittore Carlo Lorenzini) è considerato uno dei capolavori della letteratura per ragazzi. Così un grande della letteratura infantile come Gianni Rodari, insieme ad un amico illustratore, Raul Verdini, un giorno ha deciso di “tradurre” la storia di Pinocchio in filastrocca!

Gli autori hanno pubblicato questa versione del celebre “Pinocchio” a puntate, tra il 1954 e il 1955, sul giornale per ragazzi “Pioniere”. In seguito il testo è stato pubblicato sotto forma di libro (dopo averne riadattato leggermente i testi).

Questa divertente filastrocca non vuole essere altro che una fedele traduzione in immagini e poesia del famoso racconto collodiano. Una semplice interpretazione, un omaggio a Collodi (e in alcuni versi anche un omaggio al signor Bonaventura!).

Chi volesse acquistare il libro, può scegliere tra le due edizioni oggi disponibili in libreria:

filastrocca-pinocchio
Acquista “La Filastrocca di Pinocchio” – Editori Riuniti

filastrocca-pinocchio-2
Acquista “La Filastrocca di Pinocchio” – Emme Edzioni

Per ora: Buona lettura!

Ecco le filastrocche presenti nel database:

 01 – La prima fuga
02 – I piedi in fumo
03 – A scuola o a teatro?
04 – Mangiafuoco
05 – La volpe e il gatto
06 – La bambina dai capelli turchini
07 – Il naso s’allunga
08 – Il campo dei miracoli
09 – In Prigione
10 – In trappola
11 – Le faine
12 – Pinocchio vola
13 – Pinocchio ritrova la fata
14 – Battaglia sulla spiaggia
15 – Pinocchio salva Alidoro
16 – Pinocchio e il Pescatore Verde
17 – Alidoro salva Pinocchio
18 – Lucignolo
19 – Si parte!
20 – Il Paese dei Balocchi
21 – Triste risveglio
22 – Pinocchio a paglia e fieno
23 – Spettacolo al circo
24 – Ai pesci non piace il legno
25 – Il pescecane
26 – Pinocchio ritrova Geppetto
27 – In fuga
28 – Grazie al tonno
29 – Pinocchio va a lavorare
30 – Pinocchio lavora per tutti
31 – Chi ha fatto il miracolo?

Eccovi inoltre alcune altre notizie e curiosità sul più famoso burattino del mondo!

A pensarci bene Pinocchio non è un “burattino”, ma più una “marionetta”. Collodi però lo chiama burattino perché questo era uno dei personaggi tratti dalla Commedia dell’Arte. Burattino era colui che abburattava (setacciava) la farina e, per eseguire il suo lavoro, si muoveva con gesti scomposti e spezzati. Allo stesso modo si muoveva un burattino (lo Zanni). È proprio a questa figura che Collodi si rifà nel chiamare la sua marionetta burattino.
La prima versione del romanzo, comparsa a puntate sul “Giornale dei bambini” nel 1881, terminava al quindicesimo capitolo con l’impiccagione e la morte di Pinocchio, punito così per tutte le sue malefatte. Fu solo nelle versioni successive che il libro venne ampliato, aggiungendo anche il finale in cui Pinocchio si trasforma in un bambino vero.
Al celebre burattino è stato dedicato un intero parco giochi a Collodi (Pescia)
Oltre al famosissimo film disneyano a cartoni animati “Pinocchio” (1940) (qui in Blu Ray), sono state molte altre le trasposizioni cinematografiche del celebre libro. Qui ricordiamo quella di Luigi Comencini (1971) (qui in Blu Ray) trasmessa a puntate dalla RAI e quella più recente di Benigni (2002)(qui in Blu Ray).
Pinocchio ha ispirato anche tanti cantautori. Primo fra tutti Edoardo Bennato e il suo famoso “Burattino senza fili” (1977). Ma anche “Pinocchio” album dei Pooh, scritto per un musical (2002).
Cliccando qui, si accede ad una versione audio della storia. Volendo è possibile anche acqustare una versione audio letta dal grande Paolo Poli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?