Ho letto: Zia Mame

Zia Mame - Patrick Dennis

Zia Mame - Patrick Dennis

L’ho preso perché sui giornali avevo letto una marea di recensioni su questo volume. Come se in questa estate 2009 non si potesse leggere altro. A dire il vero avevo beccato anche qualche recensione non troppo lusinghiera… Insomma l’ho preso perché i giornalisti mi avevano incuriosito.
Ho apprezzato la lettura. Nelle prime pagine, mi sfuggiva un po’ lo humor dello scrittore, ma poi pian piano ho capito il personaggio, le atmosfere, le situazioni… Insomma ho iniziato ad apprezzarlo… e mi è piaciuto.
Nulla di trascendentale, si intende, ma ottima lettura sotto l’ombrellone, che spesso strappa sorrisi e risatine.
Al fondo del volume, c’è poi una postfazione che inquadra l’autore del libro, che doveva essere un personaggio mica male, direi un tipetto bello particolare. E come tale, mi ha incuriosito a sua volta, e così ho deciso di cercare qualche altra sua opera per continuare la lettura…
Mi piacerebbe inoltre vedere almeno uno dei film tratti da questo libro. Proverò a fare qualche ricerca on line per capire se sono ancora in circolazione…

Per chi fosse interessato, incollo qui sotto una sintesi del libro (presa da IBS) e la recensione di IBS.
In sintesi:

Immaginate di essere un ragazzino di undici anni nell’America degli anni Venti. Immaginate che vostro padre vi dica che, in caso di sua morte, vi capiterà la peggiore delle disgrazie possibili, essere affidati a una zia che non conoscete. Immaginate che vostro padre – quel ricco, freddo bacchettone poco dopo effettivamente muoia, nella sauna del suo club. Immaginate di venire spediti a New York, di suonare all’indirizzo che la vostra balia ha con sé, e di trovarvi di fronte una gran dama leggermente equivoca, e soprattutto giapponese. Ancora, immaginate che la gran dama vi dica “Ma Patrick, caro, sono tua zia Mame!”, e di scoprire così che il vostro tutore è una donna che cambia scene e costumi della sua vita a seconda delle mode, che regolarmente anticipa. A quel punto avete solo due scelte, o fuggire in cerca di tutori più accettabili, o affidarvi al personaggio più eccentrico, vitale e indimenticabile che uno scrittore moderno abbia concepito, e attraversare insieme a lei l’America dei tre decenni successivi in un foxtrot ilare e turbinoso di feste, amori, avventure, colpi di fortuna, cadute in disgrazia che non dà respiro – o dà solo il tempo, alla fine di ogni capitolo, di saltare virtualmente al collo di zia Mame e ringraziarla per il divertimento.

La recensione di IBS

A distanza di più di cinquant’anni l’editoria italiana riscopre un grande capolavoro dimenticato, un romanzo che alla sua uscita negli Stati Uniti, nel 1955, balzò subito in vetta alle classifiche di vendita. Mai come in questo caso, però, l’etichetta di “best seller” è meno appropriata. Qui non si tratta del solito polpettone hollywoodiano in cui si susseguono colpi di scena e misteri insondabili; non si tratta nemmeno della classica saga familiare, né della parabola ascendente del sogno americano, né di quella discendente della beat generation. Si tratta di un concentrato di comicità e cultura, in cui i grandi movimenti centrifughi che hanno colpito gli Stati Uniti negli anni Venti, dalla crisi del ‘29 alle avanguardie artistiche, vengono dipinti attraverso le avventure di un personaggio indimenticabile.
Zia Mame, ora geisha giapponese, ora ballerina di fila, romantica moglie sudista e amazzone intrepida al tempo stesso, ogni mese della sua vita inaugura una nuova impresa epica, coinvolgendo di volta in volta il suo maggiordomo giapponese, la bambinaia irlandese, la dattilografa, il poeta, l’editore, l’agente letterario. Conduce una vita salottiera e ciarliera, in cui l’ostentazione della ricchezza, i cocktail in terrazza e le commedie sperimentali di Broadway si susseguono tra bollicine di champagne e letti di seta. La crisi finanziaria che travolge mezzo mondo nulla può contro questa donna dalle mille risorse. Zia Mame cade, si rialza e intrepida ricomincia da capo, conservando sempre l’ingenuità, o forse l’orgoglio, di chi non oserebbe mai riversare sugli altri la colpa delle proprie miserie.
Come possa aver fatto una donna tanto avventata, imprudente, generosa e folle, a tirar su un ragazzino di dieci anni è un mistero. Per fortuna il defunto signor Dannis prima di morire aveva affidato tutto il cospicuo patrimonio del piccolo Patrick allo Studio Knickerbocker, che avrebbe provveduto direttamente alla sua educazione – tassativamente tradizionale – mentre l’eccentrica zia avrebbe seguito il bambino solo durante le vacanze. Ma quando si ha a che fare con una forza della natura come Zia Mame, le vacanze estive sono un periodo più che sufficiente per cambiarti la vita, soprattutto se si ha la mente brillante e recettiva di Patrick: un bambino che guarda il mondo con l’occhio distaccato del baro e lo descrive con l’ironia del ciarlatano. Come se niente potesse toccarlo direttamente, l’autore-protagonista conosce i tempi comici e la natura umana, cita Bauhaus e i magazzini Macy’s, descrive ogni caffé di New York attribuendogli l’atmosfera magica dei bistrot parigini, guarda al di là della sfavillante apparenza dei rutilanti anni Venti, per coglierne tutta la grottesca miseria. Un romanzo divertente, ricco di citazioni colte ma capace di coinvolgere anche il lettore occasionale, una sorprendente sferzata di buonumore assolutamente da non perdere.

Acquista il volume su IBS!

Related Posts with ThumbnailsTags: , , , , , , ,
Categorie: Libri
Feeds dei commenti: RSS 2.0 feed

5 comments

1 Il blog di Jolanda» Archivi Blog » Ho letto: Zia Mame { 08.24.09 at 22:36 }

[…] Prosegue Articolo Originale:  Il blog di Jolanda» Archivi Blog » Ho letto: Zia Mame […]

2 arianna { 08.27.09 at 05:31 }

Mi sa tanto che lo prenderò! Avevo già letto la recensione, ma le tue parole mi hanno convinta.

3 antonella { 08.27.09 at 09:00 }

ciao ciao
c’è una sorpresa per te. vai qui
http://attimidiletizia.blogspot.com/2009/08/per-me-davvero-grazieeeeee.html
baci
Antonella

4 lele { 01.26.12 at 20:05 }

ciao, a me è piaciuto molto questo libro. purtroppo il film si trova solo in lingua originale (inglese) . è stato un piacere trovarti .

5 0xc000007b fix { 06.09.18 at 11:39 }

I know very well what kind of error this is with windows 10 OS,that’s why am sharing this information with you to learn through this platform and able to solve that issue.

Leave a Comment