Breve come l’alba

Alla piccola Liliana: zia mai avuta

Ecco la poesia di Silvana (21 gennaio 2004).



Ecco,
spunta il giorno,
e l’alba fiorisce,
svegliando
la natura
alla prima luce.
Sorride
a tutte le creature
e con loro
desidera danzare.
Ma non può,
perché il bagliore
del potentissimo astro di fuoco
vuole dominare l’universo,
e la fragile aurora
svanisce del tutto.

Così,
sono pure
i silenti vagiti
d’una bimba,
allorquando
dopo brevi giorni
di vita
è chiamata Lassù
dagli Angeli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?