Casa mia

E. Bossi

Testo tratto dal volume: "La campanella: letture scelte per la prima classe elementare" di Adriana Enriques (Zanichelli, 1948). Illustrazioni di A. e F. Molteni

Casa mia

Casa mia, casa mia
per piccina che tu sia
tu mi sembri una badia*.

Tutta nitida e ridente,
tutta chiara e risplendente,
non ti manca proprio niente.

Se non hai splendide sale
hai tre vasi al davanzale,
sotto il tetto un frullo d’ale.

E t’allieta un gran tesoro:
il sorriso ed il lavoro
della mia mammina d’oro.

 

*badia significa: Abbazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?