Cicale

Sigla di Fantastico 2 (1981/82) cantata da Heather Parisi

Questa canzone ce la manda Denis, di 7 anni (8 settembre 2001).

Cicale

Cantiamo insieme: Cicale, sigla del programma televisivo Fantastico 2 (1981)

Delle cicale,
ci cale, ci cale, ci cale; (1)
della formica
invece non ci cale mica!

Automobili, telefoni, TV,
nella scatola del mondo io e tu
per cui la quale
ci cale, ci cale, ci cale.

Del Carnevale
ci cale, ci cale, ci cale;
di chi fa il pianto
ci cale, ma mica poi tanto!

Sole rosso fai l’arancia di lassù;
luna gialla fai il limone di quaggiù;
per cui la quale
ci cale, ci cale, ci cale.

Non voglio fare l’altalena su e giù
io sto bene dove ci sei tu;
cica cicà

E questo è brutto e questo è bello chi lo sa
merlo del castello vola e va,
cica, cica:
io sto qua.

Di chi sta male
ci cale, ci cale, ci cale;
di chi fa il pianto,
ci cale ma mica poi tanto!

Sole rosso fai l’arancia di lassù;
luna gialla fai il limone di quaggiù;
per cui la quale
ci cale ci cale ci cale.

Non voglio fare l’altalena su e giù
io sto bene dove ci sei tu,
cica cicà.

E questo è brutto e questo è bello chi lo sa
merlo del castello vola e va;
cica, cica;
io sto qua.

Delle cicale,
ci cale, ci cale, ci cale;
della formica
invece non ci cale mica!

Automobili, telefoni, TV,
nella scatola del mondo io e tu;
per cui la quale
ci cale, ci cale, ci cale.

 

(1) ci cale: ci importa. Vedasi le curiosità sulla canzone riportate qui sotto

 

Curiosità sulla canzone: Cicale

La canzone Cicale è opera (sia per il testo che per la musica) di Alberto Testa, Tony De Vita, Silvio Testi (pseudonimo di Silvio Capitta), Franco Miseria e Antonio Ricci (quest’ultimo solo per il testo).
Fu scritta come sigla del famoso programma RAI Fantastico, alla sua seconda edizione dell’anno 1981/1982 (Fantastico 2).
La canzone, che sembra avere un testo senza senso e a tratti sgrammaticato (Per cui la quale, ci cale, ci cale, ci cale…), non è ispirata alla famosa fiaba La cicala e la formica, come molti pensano.
Prende invece spunto da un’espressione tipica toscana: “ci cale” che significa “ci importa” e che si presta al gioco di parole con “cicale”.
Quindi a questo punto il testo è tutt’altro che nonsense!
Per esempio: “Del carnevale ci cale ci cale ci cale, di chi fa il pianto ci cale ma mica poi tanto”: Del Carnevale ci importa (ci piace l’allegria) di chi fa piagnistei ci importa ma mica poi tanto.

 

 

 

Canzoni per Bambini
Se cercate le più belle Canzoni per Bambini, cliccate qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?