Città dei fiori

Giovanni Marradi

Poesia tratta dal volume "Annibelli" di Luigi Ugolini e Armando Nocentini - Illustrazioni di Roberto Sgrilli - Società Editrice Internazionale (Giugno 1950)



Città dei fiori

Un limpido sorriso il mattutino
aere inazzurra (1), e umida di guazza,
si rianima al dì, col suo divino
popol di statue, la divina piazza (2).

Su i dolci poggi là del Casentino (3)
sfumano accese al vento che le spazza
nuvole d’oro; qui nel ciel turchino
un’allegria di rondini schiamazza.

…Maggio trionfa. Del suo riso, in festa,
ridon le antiche vie, gli atrii (4) severi,
gli affreschi d’ogni loggia e d’ogni sala.

E la città dei fiori apresi a questa
onda d’incensi (5), che da’ suoi verzieri (6)
e dalle ville fiesolane (7) esala.

 

(1) Colora in azzurro
(2) Piazza della Signoria adorna di magnifiche statue
(3) Regione presso le sorgenti dell’Arno
(4) Ingressi dei palazzi antichi
(5) Di profumi
(6) Orti, giardini
(7) Della collina di Fiesole, antichissima città che sovrasta Firenze

 

Annibelli

Filastrocche per Imparare
Per le più belle Filastrocche per Imparare, cliccate qui!

Poesie Didattiche
Per le migliori Poesie Didattiche, cliccate qui!

 

Poesie sulla Scuola
Se cerchi le migliori Poesie sulla Scuola, clicca qui!

Filastrocche sulla Scuola
Se cerchi le migliori Filastrocche sulla Scuola, clicca qui!

poesie per la Scuola
Se cerchi altre filastrocche e poesie per la Scuola, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?