Dire fare baciare lettera testamento

dire-fare-baciare-lettera-testamento

Età dei partecipanti: dai 6 anni in su
Numero giocatori: minimo 4
Dove si gioca: ovunque

Regole e svolgimento del gioco:
Ecco le regole della penitenza: dire fare baciare lettera testamento. Un modo di pagare il pegno é quello di sottostare a delle penitenze che il malcapitato, suo malgrado, sceglie. Ad occhi chiusi tocca le dita della mano di un compagno, scegliendone uno: le cinque dita della mano corrispondono a dire, fare, baciare, lettera, testamento.

Una volta scelto il dito i compagni decidono la pena:

DIRE: dire qualche cosa

FARE: fare qualche cosa

BACIARE: baciare qualcuno

LETTERA: si scrive con il dito una lettera sulla schiena di chi paga il pegno, il quale deve decifrare il messaggio. Dopodiché la lettera viene affrancata con una bella pacca sulla spalla e spedita con un calcio nel sedere!

TESTAMENTO: é in genere la penitenza più dolorosa, in quanto bisogna subire i dispetti dei compagni, in genere botte, per ben dieci volte. Il ragazzo che paga il pegno volge la schiena ai compagni che nel frattempo decidono dieci penitenze fisiche (calci, pugni, sberle, ma anche baci, carezze…). Uno di loro chiede: “Quanti ne vuoi di questi?” ed il “penitente” risponde un numero da uno a dieci, senza sapere di cosa si tratti.

Un commento su “Dire fare baciare lettera testamento”

  1. Roberto says:

    Una volta ci ho giocato con i compagni di scuola. Non sapevo che il gioco si chiamasse così, ricordo però che nella maggior parte dei casi si prendevano botte. Noi usavamo anche una bottiglia vuota di acqua, che in terra, dove stavamo inginocchiati o seduti, facevamo girare a mo’ di freccia e che serviva a individuare il compagno che iniziava il gioco. Che bei tempi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?