Ël Testament Ëd gian d’Avignon

Il testamento macabro di Gian D’Avignon, che venne dalla Provenza, terra del sole tramontato, per dettare disposizioni su ogni singola parte del suo corpo, è una canzone nota nelle valli e nella campagna pedemontana.



Gian d’Avignon l’è andà al mercà,
L’è andà al mercà con so somaro.
E la frin e la fron e la tran tran tran,
E la Gian d’Avignon e la frin e la fron.
Lasso mè nas ai ficanas
Përché a lo fico ‘ndoa a-j pias,
E la frin e la fron e la tran tran tran,
E la Gian d’Avignon e la frin e la fron.
Lasso j’orie al sor prevòst,
Ch’a na confessa dij coj gròs.
E la frin e la fron e la tran tran tran,
E la Gian d’Avignon e la frin e la fron.
Lasso la lenga ai ciaciaron,
Coj ch’a ciaciaro për dabon.
E la frin e la fron e la tran tran tran,
E la Gian d’Avignon e la frin e la fron.
Lasso mè cheur a Marghitin,
Ch’a l’a vorsume tanta bin.
E la frin e la fron e la tran tran tran,
E la Gian d’Avignon e la frin e la fron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?