Il nido

Hedda, pseudonimo di Lucia Maggia (1883 - 1973) maestra elementare e scrittrice per l'infanzia.

Tratta da: Serenità - Letture per le Scuole Elementari - Volume per la Quinta Classe - A. Mondadori (1925)

nido

Leggiamo insieme: Il nido di Hedda (Lucia Maggia)

Io vidi ieri sotto il mio balcone
una casetta aperta all’aria e al sole,
intesi una sottil dolce canzone
vagar nell’aria coll’odor di viole.

“Prendiamo il nido!” e rapido balzai
sul vecchio fico che la vecchia casa
protegge, e tra le fronde m’affacciai…
L’anima mia fu di dolcezza invasa.

La rondinina dalla alucce scure
da cinque becchi aperti circondata
quale mammina che dà affetti e cure
porgeva all’uno all’altra l’imbeccata.

Mi parve allor veder la mamma mia
con noi piccini intorno: e mi provai
un rimorso sottile… Ritirai
la mano e ridiscesi nella via.

Io vidi ieri sotto il mio balcone
una casetta aperta all’aria e al sole,
intesi una sottil dolce canzone
vagar nell’aria coll’odor di viole.

“Prendiamo il nido!” e rapido balzai
sul vecchio fico che la vecchia casa
protegge, e tra le fronde m’affacciai…
L’anima mia fu di dolcezza invasa.

La rondinina dalla alucce scure
da cinque becchi aperti circondata
quale mammina che dà affetti e cure
porgeva all’uno all’altra l’imbeccata.

Mi parve allor veder la mamma mia
con noi piccini intorno: e mi provai
un rimorso sottile… Ritirai
la mano e ridiscesi nella via.

 

serenità

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?