Il saggio del marchesino Eufemio

Gioachino Belli

saggio del marchesino Eufemio

Leggiamo insieme: Il saggio del marchesino Eufemio di Giuseppe Gioachino Belli

A dì trenta settembre il marchesino,
d’alto ingegno perché d’alto lignaggio,
diè nel castello avito il suo gran saggio:
di toscan, di francese e di latino.

Ritto all’ombra feudal d’un baldacchino
con voce ferma e signoril coraggio,
senza libri provò che paggio e maggio
scrìvonsi con due g come cuggino.

Quindi, passando al gallico idioma,
fè noto che jambon vuol dir prosciutto,
e Rome è una città simile a Roma.

E finalmente il marchesino Eufemio,
latinizzando esercito distrutto,
disse exercitus lardi, ed ebbe il premio!

 

Poesie sulla Scuola
Se cerchi le migliori Poesie sulla Scuola, clicca qui!

Filastrocche sulla Scuola
Se cerchi le migliori Filastrocche sulla Scuola, clicca qui!

poesie per la Scuola
Se cerchi altre filastrocche e poesie per la Scuola, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

 

6 commenti su “Il saggio del marchesino Eufemio”

  1. Gianfranco Pesce says:

    Troppo divertente

  2. Aldo Masciangelo says:

    Il saggio del marchesino Eufemio è una poesia di Giacomo Zanella non di Belli. Prego aggiornare

  3. Jolanda says:

    Gentile Aldo, abbiamo fatto una ricerca e a noi risulta di Gioacchino Belli. Pò farci sapere qual è la sua fonte? E magari inviarci una foto della pubblicazione così vediamo di capire e abbinare il testo all’autore corretto. Grazie!

  4. Antonio Fabi says:

    E’ un capolavoro del Belli in lingua, meno noto del Belli in Romanesco.
    Fa il paio con “Il cavaliere enciclopedico”

  5. Agata says:

    Bella,divertente indimenticabile

  6. Elena Liguori says:

    Versi meravigliosi del Belli . Indimenticabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?