La lepre e le rane

Jean de La Fontaine

Da: Favole (De Agostini - 1983)



lepre e le rane

Leggiamo insieme: La lepre e le rane di Jean de La Fontaine

Non sapendo una lepre cosa fare
nella sua tana, per uscir di tedio
sulla sua sorte prese a meditare.
(Dormire o meditare è un gran rimedio).

“O disgraziati sempre i timorosi!”
dicea fra sé quel povero animale
“che da paura internamente rosi,
non c’è piacer che non finisca male.

Anche il boccon ti si conficca in gola,
vivi e dormi sospeso, in crucci, in pene:
ogni voce, ogni uccell che in l’aria vola,
ti fa gelare il sangue nelle vene.

‘Correggiti?, mi dice un barbassoro.
Ma si corregge il mal della paura?
Ho veduto fior d’uomini, anche loro
far talvolta una misera figura”.

Trista, crucciata e di paura gialla,
così dicea… Quando ad un tratto s’udiva
un fruscio, che la fe’, le gambe in spalla,
d’uno stagno scappar presso la riva.

Le rane, al suo venir, saltan nel fosso,
e dentro al fango ciascuna si abbica.
“Oh! Oh!” grida la lepre “e dunque posso
esser anch’io terribil nemica.

Hanno paura, un fulmine di guerra
mi credono, non sono quel che già fui.
Ho capito, non c’è poltrone in terra,
che non trovi un poltrone più di lui”.

 

Per leggere “La lepre e le rane” in prosa, clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?