La pigrizia

Ettore Berni

Poesia tratta da "Poesie per bambini, canti, versi d'occasione, filastrocche, dialoghi, indovinelli, scelti e riordinati da Maria Bersani" - Torino - Paravia, 1930 (Prima Edizione 1899).



pigrizia

Leggiamo insieme: La pigrizia di Ettore Berni

La pigrizia andò al mercato
e un cavolo comprò,
mezzogiorno era suonato
quando a casa ritornò.

Cercò l’acqua, accese il fuoco
si sedette, riposò.
Ed intanto, a poco a poco,
anche il sole tramontò.

Così, persa ormai la lena,
sola al buio ella restò
ed a letto senza cena
la meschina se ne andò.

pigrizia

 

Fonti delle Illustrazioni:

Prima Illustrazione tratta da: “Festa dei bimbi: libro di letture per la prima classe” di Comassi Mario e Monchieri Lino (La Scuola, 1958). Disegni di Ugo Fontana

Seconda Illustrazione tratta da: “Il mondo è la mia patria: letture per la prima classe elementare” di Alberto Manzi (AVE, 1966). Illustrazioni di Alfredo Brasioli

 


Se cercate le più belle Filastrocche per Bambini, cliccate qui!

Altre versioni

3 commenti su “La pigrizia”

  1. giuseppe says:

    Buona sera vi chiedo se questa filastrocca
    La pigrizia andò al mercato
    e un cavolo comprò,
    mezzogiorno era suonato
    quando a casa ritornò.
    Cercò l’acqua, accese il fuoco
    si sedette, riposò.
    Ed intanto, a poco a poco,
    anche il sole tramontò.
    Così, persa ormai la lena,
    sola al buio ella restò
    ed a letto senza cena
    la meschina se ne andò.

    Finisce qui ? se cosi non fosse potete farmi avere la rimanenza del testo ?
    Ringraziandovi anticipatamente vi invio cordiali saluti Giuseppe

    1. Jolanda says:

      A noi risulta completa così come l’abbiamo scritta sul sito. In effetti la storiella della pigrizia è tutta ben descritta nel testo: perde tempo e alla fine va a letto senza cena 🙂 Ma se dovessero arrivarci altre versioni più lunghe e con più strofe, le pubblicheremo di certo sul sito.

  2. Lucia says:

    inizio uguale poi …. mezzogiorno é già suonato quando a casa ritornò. Spento é il fuoco fredda é l’acqua si sedette e riposò ed intanto… il seguito uguale. Io ho imparato questa versione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?