L’Ave

Diego Valeri

Se vi piace questa poesia ringraziate Dida (5 ottobre 2006).

Ave

Leggiamo insieme: L’Ave di Diego Valeri

La campana ha chiamato
e l’Angelo è venuto.
Lieve lieve ha sfiorato
con l’ala di velluto

il povero paese;
v’ha sparso un tenue lume
di perla e di turchese
e un palpito di piume;

ha posato i dolci occhi
sulle più oscure soglie …
Poi, con gli ultimi tocchi
cullati come foglie

dal vento della sera,
se n’è andato via:
a portar la preghiera
degli umili a Maria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?