Le ochette

R. Banzi

Il testo di questa poesia mi è stato inviato da Miriam (25 gennaio 2001) e da Loretta (16 Gennaio 2006)

Leggiamo insieme: Le ochette di R. Banzi

Al mattino presto presto,
non appena il sole è desto,
van le ochette a far il bagno
dentro l’acqua dello stagno.

Ed osservano ben bene
ogni norma dell’igiene:
prima lavan le zampette
la testina, poi le alette;
esclamando: “Qua, qua, qua!
Oh! Che gran felicità!”.

L’una i tuffi vuole fare,
l’altra finge d’affogare,
l’altra ancora, birichina,
fa: “Ciao, ciao” con la zampina.

E felici in compagnia
fanno ognor la pulizia,
insegnano ai bambinetti,
capricciosi e sudicetti,
che dell’acqua fresca e pura
non si deve aver paura,
perchè dona, ben si sa,
la salute e la beltà!

 


Se cercate le più belle Poesie sugli Animali, cliccate qui!


Se cercate le più belle Filastrocche sugli Animali, cliccate qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?