Maestra cencia

Se vi piace questa filastrocca, in dialetto milanese, dovete ringraziare Nonna Giuse (30 maggio 2003).

Maestra cencia

Leggiamo insieme: Maestra cencia

Incoeu l’è l’ultim dì,
doman l’è la partenza;
saludi maestra cencia,
a scola è vegni pu.

Se vegni anmò a scòla,
e vegni col bastùn;
addio maestra cencia,
a scòla è vegni pu!

 

Traduzione in italiano:

Oggi è l’ultimo giorno (di scuola),
domani è la partenza
ti saluto maestra stracciona,
a scuola non vengo più.

Se vengo ancora a scuola
ci vengo col bastone (per picchiarti);
addio maestra stracciona,
a scuola non vengo più!

 

Poesie sulla Scuola
Se cerchi le migliori Poesie sulla Scuola, clicca qui!

Filastrocche sulla Scuola
Se cerchi le migliori Filastrocche sulla Scuola, clicca qui!

poesie per la Scuola
Se cerchi altre filastrocche e poesie per la Scuola, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

4 commenti su “Maestra cencia”

  1. Claudio says:

    Ma il dialetto milanese dove lo avete imparato??? Al CEPU per corrispondenza ahahah, ignoranti (nel senso che ignorate, naturalmente) ahahah

  2. Jolanda says:

    Nel ringraziarla del suo simpaticissimo commento, La invito a inviarci il testo in perfetto milanese in modo che noi si possa correggere. Grazie.

  3. Giorgio Tanara says:

    La filastrocca continuava, mia mamma mi diceva che la cantava da bambina ( il 20.06.2020 compirebbe 100 anni ). Scusate la mia scarsa conoscenza del dialetto milanese e la nebbia di più di 60 anni nel ricordare le parole esatte.
    ” L’è l’ora de fa su (?) maestra e direttore essere minga se, bidella e cartulè

  4. Vittorio says:

    Io la conoscevo così: Incö l’è l’ültim dì, dumàn l’è la parténsa…
    Ciao maestra tencia, a scola ghé végni pü.
    L’è l’ura de fà cùr maestra e diretùr,
    e se l’è mìga a sè, bidèl e cartulè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?