Nel castello di Tuttosbaglio

Domenico Volpi

Tratta da Le fantastrocche - SEI Editore.



castello di Tuttosbaglio

Leggiamo insieme: Nel castello di Tuttosbaglio di Domenico Volpi

Nel castello di Tuttosbaglio
nessun arciere coglie il bersaglio.

C’è un leone con il guinzaglio,
un profumo fatto con l’aglio,
ci sono i dolci che sono amari,
ci sono i sassi che sono cari.

C’è un sale sciapo senza sapore
e ogni fiore senza l’odore,
e uno zucchero che non si squaglia,
e un gran pranzo senza tovaglia,
e un calciatore senza la maglia.

C’è anche un valletto
che non va mai a letto,
invece il paggio
lavora solo a maggio.

La cameriera
porta le posate di sera,
ma di giorno i sovrani
devono mangiare con le mani.

La sentinella davanti al portone
fa entrare tutte le persone,
ed è di carta l’armatura
di tutte le guardie sopra le mura.

Ogni soldato di quella terra
non è capace di fare la guerra.

Non è proprio tutto sbagliato,
in quel castello così malandato.

 

castello di Tuttosbaglio


Se cercate le più belle Filastrocche per Bambini, cliccate qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?