Oca badessa, anara contessa

Se vi piace questa filastrocca, in dialetto basso veronese (zona del Guà), dovete ringraziare Graziana (23 gennaio 2005).

A on omo ghe se rivà ‘na letera in do i ghe scrive che el ga da ‘nare aRoma.
E cussì l’è partìo a piè e par strada.

El ga incontrà el galo;
el galo ghe ga dito: “In do veto a piè par tuta sta strada che te ghe da

fare?”
E l’omo: “Me xe rivà ‘na carta da Roma, bisogna che vaga!”
El galo ghe dise. “Che vegna anca mi?”
E l’omo: “Ben, vien anca ti!”
Galo castaldo!

Piasè avanti i ga incontrà ‘na galina, che la ghe ga dito:
“In do neo a piè par tuta sta strada che ghe da fare?”
E l’omo: “Me xe rivà ‘na carta da Roma, bisogna che vaga!”
E la galina ghe dise. “Che vegna anca mi?”
E l’omo: “Ben, vien anca ti!”
Galo castaldo,
Galina castaldina!

Piasè avanti i ga incontrà l’oca, che la ghe ga dito:
“In do neo a piè par tuta sta strada che ghe da fare?”
E l’omo: “Me xe rivà ‘na carta da Roma, bisogna che vaga!”
E l’oca ghe dise. “Che vegna anca mi?”
E l’omo: “Ben, vien anca ti!”
Galo castaldo,
Galina castaldina,
Oca badessa!

Piasè avanti i ga incontrà l’anara, che la ghe ga dito:
“In do neo a piè par tuta sta strada che ghe da fare?”
E l’omo: “Me xe rivà ‘na carta da Roma, bisogna che vaga!”
E l’anara ghe dise. “Che vegna anca mi?”
E l’omo: “Ben, vien anca ti!”
Galo castaldo,
Galina castaldina,
Oca badessa,
Anara contessa!

Piasè avanti i ga incontrà on can, che el ghe ga dito:
“In do neo a piè par tuta sta strada che ghe da fare?”
E l’omo: “Me xe rivà ‘na carta da Roma, bisogna che vaga!”
E el can ghe dise. “Che vegna anca mi?”
E l’omo: “Ben, vien anca ti!”
Galo castaldo,
Galina castaldina,
Oca badessa,
Anara contessa,
Can baiàn!

Piasè avanti i ga incontrà el gato, che el ghe ga dito:
“In do neo a piè par tuta sta strada che ghe da fare?”
E l’omo: “Me xe rivà ‘na carta da Roma, bisogna che vaga!”
E el gato ghe dise. “Che vegna anca mi?”
E l’omo: “Ben, vien anca ti!”
Galo castaldo,
Galina castaldina,
Oca badessa,
Anara contessa,
Can baiàn,
Gato malfàto!

Piasè avanti i ga incontrà la volpe, che la ghe ga dito:
“In do neo a piè par tuta sta strada che ghe da fare?”
E l’omo: “Me xe rivà ‘na carta da Roma, bisogna che vaga!”
E la volpe ghe dise. “Che vegna anca mi?”
Galo castaldo,
Galina castaldina,
Oca badessa,
Anara contessa,
Can baiàn,
Gato malfàto,
ma ti comare volpe non te cato!

Altre versioni

Un commento su “Oca badessa, anara contessa”

  1. Paulo Corredori says:

    Ciao! Buongiorno a tutti, Io ho trovato il tuo sito in internet e sono molto contento.
    Perchè ho trovato un sacco di canzoni/storie di Treviso-Veneto che mia mamma e mia nonna cantava quando ero piccolo qui in Brasile.
    Io pensavo che non avrei mai trovato questi canzoni di bambini.
    Complimenti, bello lavoro grazie 1000!
    Distinti saluti
    Paulo Corredori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?