Par vardar dentro i cieli sereni

Giacomo Noventa

Se vi piace questa poesia, in dialetto veneto, dovete ringraziare Arturo (25 febbraio 2004).



Par vardar dentro i cieli sereni,
là sù sconti da nuvoli neri,
gò lassà le me vali e i me orti,
par andar su le cime dei monti.
Son rivà su le cime dei monti,
gò vardà dentro i cieli sereni,
vedarò le me vali e i me orti,
là zò sconti da nuvoli neri?

Traduzione:
Per guardare nei cieli sereni,
nascosti da nuvole nere,
ho lasciato le valli e i miei orti,
per andar sulle cime dei monti.
Sono giunto alle cime dei monti,
ho guardato nei cieli sereni,
ma vedrò le mie valli e i miei orti,
giù nascosti da nuvole nere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?