Pianefforte ‘e notte

Salvatore Di Giacomo

Pianefforte

Leggiamo insieme: Pianefforte ‘e notte di Salvatore Di Giacomo

Nu pianefforte ‘e notte
sona luntanamente,
e ‘a museca se sente
pe ll’aria suspirà.

È ll’una: dorme ‘o vico
ncopp’a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tiempo fa.

Dio, quanta stelle ‘n cielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
vurria sentì cantà!

Ma sulitario e lento
more ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo ‘o vico
dint’a ll’oscurità.

Ll’anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannese, a pensà.

8 commenti su “Pianefforte ‘e notte”

  1. Giovanni says:

    E’ una sensazione che Salvatore di Giacomo prova: la nostalgia di sentirsi cullato nuovamente da una ninna nanna antica.
    A far da sottofondo le note lente di un pianoforte che si librano nell’aria, mentre il “vicolo” dorme. Lentamente si smorzano le note e resta il desiderio di sentire una voce cantare.
    Sotto le stelle, alla luce della luna, nell’aria dolce, scende l’oscurità.
    Solo l’anima del poeta, incantata, rimane alla finestra, aspettando di provare altre dolci sensazioni e, nel frattempo, vola con la fantasia

  2. Guido says:

    Bella poesia, mi ricorda Napoli quando facevo l’Università tanti anni fa… che tempi: erano gli anni ’70!

  3. Luigi Granatello says:

    al 6° verso manca una sillaba: – ncopp’a STA nonna nonna- ….non per pedanteria, ma per amore della poesia

  4. Jolanda says:

    Figurati! Anzi grazie per la correzione 🙂 Abbiamo subito sistemato! Ciao Luigi!

  5. Francesco says:

    Al verso 11 dovete cambiare della con bella

  6. Jolanda says:

    Grazie Francesco! Abbiamo corretto! Ciao!

  7. Ferrara Giuseppina says:

    Una dolce e malinconica poesia di Di Giacomo. Le note lontane di un pianoforte che suona nella notte, un cielo stellato, la luna, il vicolo che dorme, il silenzio. Il poeta è alla finestra, incantato, poi le note si spengono e il vicolo sembra diventare più buio. L’anima del poeta rimane lì, in attesa alla finestra, e il pensiero vaga lontano, alla ricerca di un incanto che forse ritroverà tra le stelle. Ora la musica è poesia e la poesia ritrova la musica.

  8. Antonio Ippolito says:

    …delizia, malinconia, sogni… e come vuoi commentare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?