Ritratto della mia bambina

Umberto Saba

La mia bambina con la palla in mano,
con gli occhi grandi color del cielo
e dell’estiva vesticciola: “babbo”
mi disse “voglio uscire oggi con te”
ed io pensavo, di tante parvenze
che s’ammirano al mondo, io ben so a quali
posso la mia bambina assomigliare.
Certo alla schiuma marina, alla marina schiuma
che sull’onde biancheggia a quella scia
ch’esce azzurra dai tetti e il vento sperde;
anche alle nubi, insensibili nubi
che si fanno e disfanno nel chiaro cielo;
e da altre cose leggere e vaganti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?