Scoiattolino e la sua coda

Storia in rima di Jolanda Colombini Monti - Illustrazioni di Mariapia - Casa Editrice Piccoli (Milano)

Se vi piace questa filastrocca, dovete ringraziare Alma (5 novembre 2004).

Scoiattolino e la sua coda

Leggiamo insieme: Scoiattolino e la sua coda di Jolanda Colombini Monti

Ron… Ron… Ron… Nel suo lettino
russa ancor Scoiattolino.
Fuori il sole dice: “Ehi!
Come! Ancora a letto sei?

Tutto il bosco ho già indorato…
tutte l’erbe di ogni prato…
Primavera è giunta qui…
Tu che fai? Stai sempre lì?

Dormiglione! Dormiglione!
Non più fredda è la stagione!
Non mi senti dunque tu?
Via dal letto! Sveglia! Su!”.

Il pigrone si è affacciato.
Mamma Lepre ha salutato:
“Oh Scoiattolo! Buon giorno!
C’è una volpe, sai, qui attorno!

Chi l’ha vista dice che
ha un codone al par di te!”
“Una coda qual la mia
è impossibile ci sia!”

“Questo invero non lo so.
Io la coda non ce l’ho!
Se l’avessi non saprei
cosa fare ne potrei!”

Mamma Lepre or torna in fretta
alla linda sua casetta
dove aspettano i bambini
che hanno fame e son piccini.

“Come? Solo, Leprottino?
e dov’è il tuo fratellino?”
“Non so, mamma, è andato fuori,
forse a cogliere dei fiori…”

“Fuori, dici?” Mamma in pena
mette in tavola la cena.
“Non gli avevo detto che
non uscisse senza me?

Or sarà il disobbediente
in pericol certamente!”.
Cuor di mamma non si sbaglia!
Ecco qua quella canaglia

della Volpe che spuntino
vuole far con Leprottino
e lo insegue nel boschetto:
“Pancia mia che buon pranzetto!”

“Mamma! Mamma! Son seguito!
Perché mai non T’ho ubbidito?
Se ci sei, Scoiattolino,
salva, salva il Leprottino!”

Lo scoiattolo lo sente
ed accorre prontamente
pur se un poco, in verità,
Mamma Lepre offeso l’ha.

“Della coda, a quanto pare,
Mamma tua non sa che fare!
Ed io invece, guarda qui…
Tieni… aggrappati così…

Or m’arrampico lassù…
Stretto, stretto tieni tu…
Quando Volpe ci vedrà
dalla rabbia scoppierà!”

Salvataggio effettuato
i due prendono un po’ fiato
e sul ramo di lassù,
sorridenti guardan giù.

“Me l’hai fatta, bricconino!”
dice Volpe al Leprottino
“Ma c’incontreremo ancora…
La mia festa sarà allora!”

“Ne sei certa?” Cingallegra
sulla Volpe ride allegra:
“Tu sei furba, ma, cucù,
noi lo siamo ancor di più”

“Non sapere arrampicarsi,
non potere vendicarsi…
è una cosa, ohibò, ohibù,
che davver non mi va giù!”

Cupa, irosa ed accigliata
batte Volpe in ritirata.
“Uhhh che rabbia! Uhhh che smacco!
Tutto quel che trovo spacco,

rompo, squarto, sbrano… Aspetta!
Tremo, fremo di vendetta!”
“Ah ah ah… Eh eh eh…”
Che risate fan quei tre!

Mamma Lepre tutta in pianto,
del suo bimbo cerca intanto:
“Tu l’hai visto? Tu? e tu?”
“Sì, mi pare sia laggiù…”

“Dalla Volpe era seguito…”
“Io gridare l’ho sentito!”
“Lo scoiattol l’ha salvato
e su in alto l’ha portato!”

“Grazie amici! Questi figli
non ascoltan mai consigli
e poi cadon in disgrazie…
Addio cari e ancora grazie!”

“O Leprotti, Leprottì,
dove sei?”. “Qui, mamma, qui!
ho passato un gran momento
di terribile spavento!

Se son vivo, ciò e dovuto
a chi corso m’è in aiuto!”
Lo scoiattolo felice,
la sua coda ergendo, dice:

“Mamma Lepre, dimmi un po’
la mia coda serve o no?”
“Oh, si certo, mio furbone,
tutto, al mondo, ha una ragione!”.

 

Illustrazioni di Mariapia (Maria Pia Franzoni Tomba)

 

Filastrocche di Jolanda Colombini Monti
Per altre Filastrocche di Jolanda Colombini Monti, clicca qui!

Poesie di Jolanda Colombini Monti
Per altre Poesie di Jolanda Colombini Monti, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

10 commenti su “Scoiattolino e la sua coda”

  1. Maria Adelaide Frattin says:

    Da tanto cercavo questa deliziosa filastrocca che io e i miei sei fratelli avevamo imparato a memoria. Mi piacerebbe moltissimo ritrovare anche il libro illustrato.
    Grazie moltissime a Alma!!
    Tanti auguri per tutto!!
    Adelaide

    1. Paola says:

      Vi volevo dire che anch’io sono molto affezionata a questa storia,infatti questo libretto me lo regalò mio padre e me lo leggeva sempre quando ero bambina e io ho continuato a leggerlo ai miei tre figli.Lo so tutto a memoria e ce l’ho ancora completo, naturalmente consumato e tenuto unito dal nastro adesivo,ciao Paola classe 1946.

  2. Giuliana Di Guardia -Roma says:

    Ringrazio di cuore chi ha messo in rete questa storiella che io e le mie sorelle avevamo letto da bambine e di cui ricordavamo solo le prime due o tre strofe- Brava Alma! Ma i bambini di oggi conoscono e sanno apprezzare queste cose? Erano semplici ma educative e a distanza di 60 anni mi sembrano ancora valide (senza Pimpa, Barbie, Winx, ecc).

    1. Bruno Abrami says:

      Perchè non lo scannerizzi e metti in rete? Ne hai anche altri?

  3. Paola Rota says:

    Volevo comunicarvi che ho il libro illustrato.Ciao Paola

  4. Adele Montobbio says:

    È tanto che cerco questo libretto che avevo da bambina circa 70 anni fa, me lo facevo leggere dai miei fratelli, l’avevo imparato a memoria e fingevo di saper leggere. Mi piacerebbe trovarne una copia, ma non ci sono ancora riuscita.Adele

  5. Laila Cresta says:

    Anch’io li avevo, da piccola, anche “La rosa superba”… Ma ho fatto troppi traslochi, in quasi 60 anni di vita! Grazie.

  6. giorgio says:

    Anche io classe 1950 lo recitavo tutto a memoria e non so cosa farei per rivedere quel libricino che ahimè io no ho più! Se chi lo possiede ancora puo’ fare qualcosa…………..

  7. giorgio says:

    Vorrei essere messo in contatto con Paola Rota per avere informazioni di come avere una copia del libro. Abito a Genova .Grazie

  8. Laila Cresta says:

    Anch’ io lo voglio! a 70 anni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?