S’ode ancora il mare

Salvatore Quasimodo

S'ode ancora il mareGià da più notti s’ode ancora il mare,
lieve, su e giù, lungo le sabbie lisce.
Eco d’una voce chiusa nella mente
che risale dal tempo; ed anche questo
lamento assiduo di gabbiani: forse
d’uccelli delle torri, che l’aprile
sospinge verso la pianura. Già
m’eri vicina tu con quella voce;
ed io vorrei che pure a te venisse,
ora di me un’eco di memoria,
come quel buio murmure di mare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?