Vitti ‘na crozza

Se vi piace questa canzone, dovete ringraziare Mette (8 luglio 2002).



Vitti ‘na crozza supra nu cannuni,
fui curiusu e ci vosi spiari.
Idda m’arrispunniu: A un gran duluri
muriri senza toccu di campani.
Larallelleru lalleru lalleru
lalleru lalleru lalleru lalla. [bis]

C’è nu jardino a menzu di lu mari,
tuttu ntessutu d’arangi e di xjuri.
Tutti l’aceddi ci fannu l’amuri.

Larallelleru lalleru lalleru
lalleru lalleru lalleru lalla. [bis]

Sentu li trona di lu Mungipeddu,
chi ietta focu elampi i tutti i lati.
oh bedda matri, matri addulurata
serba la vita mia e di mia amata.

Larallelleru lalleru lalleru
lalleru lalleru lalleru lalla. [bis]

Sinni eru li me anni
sinni eru, sinni eru e un sacciu unni.
Ora ca su arrivatu a ottanta anni,
chiamu la vita e morti m’arrispunni.

Larallelleru lalleru lalleru
lalleru lalleru lalleru lalla. [bis]

Cunzatimi, cunzatimi sta lettu,
ca di li vermi su’ mangiatu tuttu.
Si nun lu scuntu cca lu me peccatu
lu scuntu a chidda vita a sangu ruttu.

Larallelleru lalleru lalleru
lalleru lalleru lalleru lalla. [bis]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?