Le più belle Poesie per la Festa del Papà

Poesie per la Festa del Papà

Le migliori poesie per la Festa del Papà, rime e filastrocche!

Ecco una selezione delle più belle rime, filastrocche, Poesie per la Festa del Papà, una raccolta ragionata dei migliori testi in circolazione da dedicare ai vostri papà per far loro capire quanto gli volete bene!

Vi sono testi popolari e di origine tradizionale e anche testi d’autore, tutti accomunati dall’intenzione di dire al proprio papà quanto è importante per noi.
Intezione che si esprime con parole come: “Ti voglio bene!”, “Cosa farei senza di te?”, “Grazie!”.

Scegliete tra queste poesie quella che vi piace di più e poi donatela al vostro papà nel giorno della sua Festa! Recitatela, stampatela o riscrivetela con le vostre mani: poco importa. Ma quando lui la riceverà sarà una grande gioia per tutti.

 

Ecco le Poesie per la Festa del Papà disponibili sul sito

 

 

 

Filastrocche per la Festa del Papà
Per le più belle Filastrocche per la Festa del Papà, cliccate qui!

filastrocche per la Festa del Papà
Per altre filastrocche per la Festa del Papà, cliccate qui!

Poesie per la Festa del Papà
Per le migliori Poesie per la Festa del Papà, cliccate qui!

Filastrocche per la Festa del Papà
Se volete leggere le filastrocche per il vostro Papà scritte da Jolanda Restano, cliccate qui!

Filastrocche per la Festa del Papà
Se invece vi interessano le filastrocche per la Festa del Papà scritte da voi, cliccate qui!

Frasi per la Festa del Papà
Per le più belle Frasi per la Festa del Papà, cliccate qui!

 

Lavoretti per la Festa del Papà
Se state cercando dei LAVORETTI per la Festa del Papà, cliccate qui!

Idee Regalo per la Festa del Papà
Se state cercando delle IDEE REGALO per la Festa del Papà, cliccate qui!

Ricette per la Festa del Papà
Se cercate delle Ricette per la Festa del Papà, cliccate qui!

 

Speciale Festa del Papà
Visita lo Speciale Festa del Papà!

 

Un commento su “Le più belle Poesie per la Festa del Papà”

  1. EDERA AMARA

    Sentire: “Figlio mio!”
    Mai, mai l’ascoltai;
    udire, appena in un sussurro lieve,
    lieve per non svegliarmi,
    un vezzo dolce su una culla
    che dondola pian piano
    al rosolante chiarore di un lumino,
    sperso nel buio di un casolare antico,
    anch’esso smarrito
    tra le pieghe d’una memoria stanca.

    “Figlio mio!”, sentir solo una volta,
    ricordare un pensiero,
    una carezza,
    un pianto greve sul mio corpo infermo,
    un canto lontan di ninna-nanna
    che piano si smorza
    mentre m’addormento.

    Quante volte sognai d’avere un padre,
    le cui premure restassero nel cuore
    da custodir come reliquia sacra
    e poter dire, davanti a un cimitero,
    padre t’amai
    ed il tuo amore è qui nella mia mente.

    Nulla conservo
    se non l’ombra nera
    di giorni sepolti per non ricordare,
    che rimuovo insieme al mio rimpianto
    di non poterti, padre, amare tanto.

    Salvatore Armando Santoro

    La poesia è stata anche premiata con una segnalazione di merito (12.a in graduatoria su 580 concorrenti) al 3° Premio Nazionale di Poesia “Le Quattro Porte – Memorial Romano Gamberini” di Pieve di Cento nel bolognese.
    La poesia è stata anche Inserita nell’antologia letteraria “Pater” patrocinata dalla Regione Toscana – Commissione Pari Opportunità – ed edita a Firenze dalle Edizioni Morgana nel 2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?