Arietta settembrina

Alfonso Gatto

Arietta settembrinaRitornerà sul mare
la dolcezza dei venti
a schiuder le acque chiare
nel verde delle correnti.

Al porto, sul veliero
di carrubbe l’estate
imbruna, resta nero
il cane delle sassate.

S’addorme la campagna
di limoni e d’arena
nel canto che si lagna
monotono di pena.

Così prossima al mondo
dei gracili segni,
tu riposi nel fondo
della dolcezza che spegni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?