Canto della spiga



Canto della spiga

Leggiamo insieme: Canto della spiga

Sono nata da un chicco gettato
nel solco profondo.

Dal piccolo seme è spuntato
lo stelo fecondo.

S’è armato di fragili creste,
rivolte all’azzurro.

E il vento or mi culla e m’investe
con dolce sussurro.

M’inchina, sottil, da una banda,
ché greve è il tesoro

racchiuso nell’alta ghirlanda
di granuli d’oro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?