Cavalcata garibaldina

Angiolo Silvio Novaro

Tratta da: Il Cestello - Poesie per i Piccoli - A. Mondadori (Milano, 1928)

Cavalcata garibaldina

Leggiamo insieme: Cavalcata garibaldina di Angiolo Silvio Novaro

Su caval che mai non resta
va l’eroe chiomato d’oro
via per l’orrida foresta
con sul petto il suo tesoro.
Solo Anita gli è compagna,
e la pioggia, che lo bagna.

Il tesoro è un picciol peso,
il tesoro è un picciol nato;
e lo porta al collo appeso,
e lo scalda col suo fiato.
Geme il piccolo: ma egli
bacia al piccolo i capegli.

Non ha tetto Garibaldi,
non ha fuoco ove si scaldi:
per andare non ha guide
né sentieri, nulla egli ha:
ma da lungi gli sorride
la divina Libertà.

 

Illustrazione di Domenico Buratti

 

Cestello

 

Poesie di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Poesie di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?