Le più belle Poesie di Angiolo Silvio Novaro

Poesie di Angiolo Silvio Novaro

Selezione delle migliori Poesie di Angiolo Silvio Novaro, filastrocche e testi brevi

Angiolo Silvio Novaro nacque a Diano Marina nel 1866 e visse un’infanzia felice isieme ai 5 fratelli. Nei primi anni di scuola, si trasferì a Oneglia dove aveva sede la ditta di famiglia che produceva e vendeva olio.

Angiolo entrò nella ditta di famiglia e la fece prosperare raggiungendo stabilità economica sufficiente a dedicarsi al suo passatempo preferito: scrivere!

Angiolo Silvio Novaro accettò l’avvento di Mussolini e fu tra i compilatori del libro unico di stato voluto dal duce per le scuole elementari, a partire dal 1929.

Novaro morì nel 1938 sempre a Oneglia, luogo che non abbandonò mai.

Le poesie di Angiolo Silvio Novaro si ritrovano in moltissimi libri di testo per le scuole elementari, anche in quelli posteriori all’epoca fascista, segno che i suoi testi sono stati ritenuti validi anche al di là delle convinzioni ideologiche dell’Autore (che peraltro si allontanò dal fascismo e ne fu molto deluso).

Le poesie di Novaro sono spesso didascaliche e vengono spesso utilizzate per fissare nella mente dei bambini qualche dato (i mesi dell’anno, lo scorrere delle stagioni…) o qualche insegnamento morale. Nei testi infatti sono enfatizzati valori come la natura, l’amore materno, Dio…

Il linguaggio dei testi è spesso semplice, ma capace di suscitare emozioni nei piccoli lettori. Non è quindi una posia ingenua, come potrebbe apparire a una prima lettura. Si tratta invece di testi con ritmo, allitterazioni, rime e forte musicalità.

 

Poesie di Angiolo Silvio Novaro disponibili

 

Se conoscete altre Poesie di Angiolo Silvio Novaro non presenti nel nostro elenco, inviatele alla Redazione e le aggiungeremo alla nostra selezione. Grazie!

 

Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere le Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo Speciale Scuola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?