Disoccupato

Umberto Saba



Disoccupato

Leggiamo insieme: Disoccupato di Umberto Saba

Dove sen va così di buon mattino
quell’uomo al quale m’assomiglio un poco?

Ha gli occhi volti all’interno,
la faccia sì dura e stanca.
Forse cantò coi soldati di un’altra
guerra, che fu la nostra guerra.

Zitto egli sen va, poggiato al suo bastone
e al suo destino, tra gente che si pigia
in lunghe file alle botteghe vuote.

E suona la cornetta all’aria grigia
dello spazzino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?