Elogio del serpente a sonagli

Sergio Tofano (Sto)



Elogio del serpente a sonagli

Leggiamo insieme: Elogio del serpente a sonagli di Sergio Tofano

Il serpente a sonagli è un serpente
su per giù come gli altri serpenti:
se cammina però lo si sente
pei sonagli che fanno frastuon.

Per entrare, se torna alla tana,
campanello non suona o battente,
ma i sonagli gli fan da campana
e la moglie va aprirgli il porton.

Se gli accade talvolta che oda
i suoi nati frignare o strillare
fa schioccar due o tre volte la coda
ed acqueta i piccini a quel suon.

Se in un’ora di dolce abbandono
un motivo fischietta o canticchia
i sonagli qual nacchere picchia
e accompagna cosi la canzon.

Se la corte a una serpa fa un serpe,
per sedurre la bella adorata
lui di notte le fa serenata
coi sonagli di sotto al balcon.

Nell’orchestra i teatri africani
pel serpente a sonagli hanno un posto
ed un negro lo suona a due mani
fra i violini il fagotto e il trombon.

L’automobile al Congo non usa
né cornetta né tromba o sirena
ma il serpente al volante dimena
i sonagli e si scansa il pedon.

Per alzarsi il calmucco a buon’ora
non adopra la sveglia, ma il serpe
che agitando la coda sonora
puntuale ridesta il padron.

 

Illustrazione di Roberta Angeletti, tratta da BibliotecaTre – Antologia Italiana – Lattes Editori

 


Se cercate le più belle Filastrocche per Bambini, cliccate qui!

 


Se cercate le più belle Poesie sugli Animali, cliccate qui!


Se cercate le più belle Filastrocche sugli Animali, cliccate qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?