Filastrocca di Silvia

Tania dedica questa filastrocca alla piccola Silvia (1 febbraio 2012).

Ho sentito, un dì lontano,
di un viaggio alquanto strano:
la narrava un bel folletto
che viveva in un boschetto.

Questa storia raccontava
di una bimba che giocava
ma giunta l’ora di partire
lei fingeva di non sentire.

Finché un giorno, trafelato,
giunge un messo, un po’ arrabbiato:
“Ora basta con il gioco,
è il momento del trasloco!”

Dona alla bimba un gran sacco rosa
e si raccomanda d’infilarci ogni cosa.
I prodigi son tanti, di ogni colore:
gioia, bellezza e un mare d’amore.

Parte felice per il lungo viaggio
e non vede l’ora dell’atterraggio.
Vola veloce, vola cicogna
arrivare di corsa ora bisogna

che mamma e babbo stanno aspettando
e a tutti gli amici van domandando
se abbiano visto in alto volare
questa creatura che inizia a tardare.

Poi finalmente, dal cielo discesa
arriva la bimba così tanto attesa.
I due genitori, assai felici
informano lesti tutti gli amici:

E’ arrivata SILVIA, la nostra bambina
profuma di buono, fa venir l’acquolina
festeggiamo insieme con un bel girotondo
siamo la coppia più felice del mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?