I capricci

Angiolo Silvio Novaro

Tratta da: Il Cestello - Poesie per i Piccoli - A. Mondadori (Milano, 1928)



capricci

Leggiamo insieme: I capricci di Angiolo Silvio Novaro

Il bambino che fece i capricci,
che un ditino al più piccolo morse,
cheto addormesi, e sogna già forse
con su gli occhi un ruffello di ricci.

Ma nel buio la povera e sola
mamma pensa che è stato cattivo,
e dormire non può, da che un vivo
groppo d’ansia le serra la gola.

Fuor de’ vetri, oltre i tetti, lontano,
guarda il muto orizzonte, e ripensa;
guarda il ciel, l’aria immobile immensa,
e piange entro la vuota sua mano.

 

Illustrazione di Domenico Buratti

 

Cestello

 

Poesie di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Poesie di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?