Il piccolo falegname

Se vi piace questa poesia, dovete ringraziare Maria (14 giugno 2003).

Tra le seghe e le pialle, i chiodi ed i martelli
Il fanciullo divino insegnava ai fratelli.
Insegnava ad amare il lavoro, il dovere
La luce del mattino, il buio delle sere.
Ach’egli il suo lavoro bagnò col suo sudore
E le candide mani consumò nel dolore.
E a quella dei fratelli unì la santa voce
Ed ebbe, qualche volta, per guanciale una croce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?