L’uccellino sconosciuto

Angiolo Silvio Novaro

Tratta da: Il Cestello - Poesie per i Piccoli - A. Mondadori (Milano, 1928)

uccellino sconosciuto

Leggiamo insieme: L’uccellino sconosciuto di Angiolo Silvio Novaro

Sulla punta dei piedi
Arrivo a te leggiero,
Più leggiero che posso:
Ma tu, scaltro, mi vedi,
Con un frullo salti il fosso,
E voli al bosco nero,
E voli al bosco muto,
Uccellino sconosciuto.

Hai paura, – ma di che?
Hai paura d’un fanciullo
Innocente come te!
Oh via, torna con un frullo,
Torna da queste parti,
Sconosciuto uccellino,
E siedimi vicino,
Che voglio interrogarti…

Hai fratellini, – e quanti?
O ti bastano i tuoi canti?
Hai sorelline belle,
O ti bastano le stelle?
È più dolce in cima al pioppo
Fuor dei tiri dello schioppo,
O sui tegoli dei tetti
Umidetti?

È più bello
Dove sdrucciola il ruscello,
O su l’aia dove trovi
Da rubare i chicchi novi?
La casa tua qual è,
sconosciuto uccellino?
La chioma d’un’acacia
O la barba di un pino?

E la sera,
Dopo detta la preghiera,
pigli sonno tu da te.
o è la mamma che ti bacia,
o è la mamma che ti culla
Mentre tu piangi per nulla?…
Hai tristezze e gioie tu?
E più gioie o più tristezze?
O tristezze e gioie vanno
A braccetto anche lassù
Con le grandi nubi avvezze
A morire ove non sanno?
Parla, parla, dimmi il vero,
Spezza il cerchio del mistero…

Sulla punta dei piedi
Arrivo a te leggiero,
Più leggiero che posso:
Ma tu, scaltro, mi vedi,
Con un frullo salti il fosso,
E voli al bosco nero,
E voli al bosco muto,
Uccellino sconosciuto!

 

Illustrazione di Domenico Buratti

 

cestello

 

Poesie di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Poesie di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?