Filastrocca di Gianni, ciabattino fannullone

Se vi piace questa filastrocca, dovete ringraziare Nicola, papà di Veronica (1 dicembre 2004).

ciabattino fannullone

Lunedi non si lavora;
martedì mancano i chiodi;
mercoledì non c’è più il cuoio;
giovedì manca lo spago;
venerdi, rotto è il deschetto;
solo il sabato un pochino,
picchia e batte il ciabattino.
La domenica, vi pare?
Si ritorna a riposare!

Chi di lui si fiderà,
senza scarpe resterà.

2 commenti su “Filastrocca di Gianni, ciabattino fannullone”

  1. Piero says:

    vecchi ricordi

  2. norma says:

    Questa filastrocca la insegnava il mio papà ai suoi alunni quarantaquattro anni fa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?