Novembre

Giovanni Pascoli

Novembre

Novembre: Poesia di Giovanni Pascoli dedicata all’estate di San Martino che ricorre nei primi giorni di novembre

Gèmmea l’aria (1), il sole così chiaro
che tu ricerchi gli albicocchi in fiore,
e del prunalbo l’odorino amaro
senti nel cuore…

Ma secco è il pruno, e le stecchite piante
di nere trame segnano il sereno,
e vuoto il cielo, e cavo al piè sonante
sembra il terreno.

Silenzio, intorno: solo, alle ventate,
odi lontano, da giardini ed orti,
di foglie un cader fragile. È l’estate
fredda, dei morti.

 

(1) Gemmea: è un verbo usato qui come metafora per indicare che l’aria ha le caratteristiche di purezza delle gemme

 

Cenni sul testo: Novembre di Giovanni Pascoli

La poesia Novembre di Giovanni Pascoli fu scritta nel 1890 e pubblicata la prima volta su “La Vita Nuova” nel febbraio 1891. Infine fu inclusa nella prima edizione della raccolta di poesie Myricae (sempre nel 1891)

 

Estate di San Martino
Per le migliori poesie, rime e filastrocche su Estate di San Martino e San Martino stesso, cliccate qui!

 

Filastrocche sull'Autunno
Se cerchi le più belle Filastrocche sull’Autunno, clicca qui!

Poesie sull'Autunno
Se cerchi le più belle Poesie sull’Autunno, clicca qui!

 

Filastrocche sull'Inverno
Se cerchi le più belle Filastrocche sull’Inverno, clicca qui!

Filastrocche di Primavera
Se cerchi le più belle Filastrocche di Primavera, clicca qui!

Filastrocche dell'Estate
Se cerchi le più belle Filastrocche dell’Estate, clicca qui!

Filastrocche sulle Stagioni
Se cerchi le migliori Filastrocche sulle Stagioni, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale “W la Scuola!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?