Uomo del mio tempo

Salvatore Quasimodo



Uomo del mio tempo

Leggiamo insieme: Uomo del mio tempo di Salvatore Quasimodo

Sei ancora quello della pietra e della fionda;
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
t’ho visto, dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.

E questo sangue odora come nel giorno
quando il fratello disse all’altro fratello:
“Andiamo ai campi!”. E quell’eco fredda, tenace
è giunta fino a te, dentro la tua giornata.

Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.

 

Poesie studiate a Scuola
Per le più famose Poesie studiate a Scuola, cliccate qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

Un commento su “Uomo del mio tempo”

  1. Gianfranco says:

    Mi avete fatto tornare ai tempi della mia giovinezza , ai versi tanto amati che lasciarono in me il segno ed il seme per il mio estro poetico senile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?