Filastrocca

Lea Maggiulli Bartorelli detta Zietta Liù

Tratta da: Lo Scrigno d'Oro - Sussidiario per la Seconda Classe - Edizioni S. A. E. L. (Società Editrice Dante Alighieri) - 1951



Filastrocca

Leggiamo insieme: Filastrocca di Lea Maggiulli Bartorelli detta Zietta Liù

Filastrocca del mio bambino,
che ha disegnato un bel mulino;
nel mulino c’è un grosso mugnaio;
accanto al forno si vede il fornaio.
Il fornaio che impasta il pane;
ecco il casotto abitato dal cane;
il cane corre col cacciatore,
che prende gli uccelli e li porta al dottore;
il dottore che cura i malati;
e va sul campo a trovare i soldati;
c’è un soldato che scrive a Dorina,
la fidanzata che fa la sartina;
la sartina che cuce con l’ago;
il salumiere che impecia lo spago;
c’è il salumiere che taglia il formaggio;
il navigante che fa il viaggio;
il calciatore che spinge la palla;
il falegname che incolla e che pialla;
e l’aviatore che vola, che vola;
e la maestra che sta nella scuola;
e l’avvocato che sta in tribunale;
il giornalaio che vende il giornale;
e l’architetto che fa porti e strade;
il contadino che falcia le biade;
tutti i mestieri si possono fare,
quando c’è voglia di lavorare.

 

Lo Scrigno d'Oro

 

Poesie di Lea Maggiulli Bartorelli
Per leggere altre Poesie di Lea Maggiulli Bartorelli (Zietta Liù), clicca qui!

Filastrocche di Lea Maggiulli Bartorelli
Per leggere altre Filastrocche di Lea Maggiulli Bartorelli (Zietta Liù), clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?