L’Eroe: La conquista (III)

Angiolo Silvio Novaro

Questa poesia è la terza parte (III) del testo L'Eroe, tratto da "Il Cestello - Poesie per i piccoli" - A. Mondadori (Milano, 1928)



conquista

Leggiamo insieme: L’Eroe – La conquista (III) di Angiolo Silvio Novaro

Aspetta, aspetta, aspetta!
Prima un’incerta vetta,
poi monti azzurri, ombre di rupi, gole,
conche vestite d’alberi, paesi:
l’isola tutta spalancata al sole!
I Mille avidi al bordo
verso di lei protesi
respiravano appena. Un rombo sordo
era nei cuori, quasi un rombo d’ala.
E cadde a un tratto l’ancora. Marsala!

“Italia e Re Vittorio!”
gridò l’Eroe, raggiante
di sopra il suo caval bianco di avorio;
e le schiere dei Mille tutte quante:
“Viva l’Italia e il Re!”.
E l’Eroe tagliò l’aria avanti a sé
con la spada così
che parve un lampo. E attonita si mosse
la legione, brillando al mezzodì
la lunga riga di camicie rosse.

Triste incombeva e squallido il sereno,
e saettava un sole crudo atroce.
Disabitata era la terra e brulla,
arso e abbattuto il fieno.
Non una umana voce,
non un fil d’acqua, una capanna, nulla.
Ma il quarto giorno sopra quel deserto
apparve un colle erto
e in cima un luccichio di baionette:
e il dittatore ristette.

Spararono il cannone
di lassù, con un lugubre rimbombo,
e un fumo avvolse le colonne folte.
Come una messe al vento
s’inclinò la legione
ché ognuno aveva l’animo di cento,
ma il dittatore levò il braccio in alto:
“Viva l’Italia!” replicò tre volte,
e sotto il denso turbine di piombo
spinse i Mille all’assalto.

Monte selvaggio di Calatafimi,
tutto fragrante di ginepri e temi,
spinoso di filiere
di fichi d’India, tremendo a vedere
nella cintura dei sette scaglioni!
Scatenati leoni
parvero i Mille sotto il piombo e il fuoco
montanti a poco a poco
a conquistare con la baionetta
l’ultima aerea vetta!

Avanti, palmo a palmo!
Feriti a morte sparavano ancora,
feriti a morte gridavano: “Evviva!”,
e il sangue a fiotti usciva
dalle ferite, rosso come aurora.
Ma Garibaldi fra il tumulto, calmo,
bilanciando la spada come clava
sulla spalla, saliva in mezzo al velo
dei fiumi e grandeggiava
col cavallo nel cielo.

Avanti, avanti! Il ligure Schiaffino
portava l’orgogliosa
bandiera sventolante nel turchino.
Cadde, e coprì la terra sanguinosa
con la grande persona.
Nessuno disse: “Basta!”
venti corpi gli fecero corona,
venti pugni di forti
si tesero a riprendere quell’asta
sopra il viluppo di morenti e morti.

“Qui si vince o si muore”.
E vinsero i discesi dalle navi.
Grondanti di sudore
guardarono i Borbonici fuggenti.
E il Generale disse loro: “Bravi!
Pugnaste bene per la libertà!
Le vostre spose ne saran superbe!”.
E i Mille riposarono contenti
in cima al colle, là,
sulle soffici erbe.

 

Qui sotto i collegamenti alle altre parti di “L’Eroe” di Angiolo Silvio Novaro:

 

Illustrazione di Domenico Buratti

 

Cestello

 

Poesie di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Poesie di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro
Per leggere altre Filastrocche di Angiolo Silvio Novaro, clicca qui!

 

Filastrocche per Imparare
Per le più belle Filastrocche per Imparare, cliccate qui!

Poesie Didattiche
Per le migliori Poesie Didattiche, cliccate qui!

 

Poesie sulla Scuola
Se cerchi le migliori Poesie sulla Scuola, clicca qui!

Filastrocche sulla Scuola
Se cerchi le migliori Filastrocche sulla Scuola, clicca qui!

poesie per la Scuola
Se cerchi altre filastrocche e poesie per la Scuola, clicca qui!

 

Speciale Scuola
Visita lo speciale Scuola!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?