La farfalletta (La vispa Teresa)

Luigi Sailer (1825 - 1885)

La farfalletta

Testo della famossisima filastrocca di Luigi Sailer dal titolo: “La Farfalletta”, meglio nota come “La vispa Teresa”.

La vispa Teresa
avea fra l’erbetta
al volo sorpresa
gentil farfalletta,

e tutta giuliva,
stringendola viva,
gridava a distesa:
“L’ho presa! L’ho presa!”.

Ma a lei supplicando
l’afflitta gridò:
“Vivendo, volando
che male ti fo’?

Tu sì mi fai male
stringendomi l’ale!
Deh, lasciami! Anch’io
son figlia di Dio!”.

Confusa, pentita,
Teresa arrossì,
dischiuse le dita
e quella fuggì.

 

Altra versione finale:

Teresa pentita
allenta le dita:
“Va’, torna all’erbetta,
gentil farfalletta”.

 

La vispa Teresa

Note su: La farfalletta (La vispa Teresa)

Questa poesia fu scritta intorno al 1850 da Luigi Sailer.
La farfalletta (La vispa Teresa) apparve la prima volta nella raccolta per bambini “L’arpa della fanciullezza” (1865).
Negli anni a seguire, visto il grande successo del personaggio, la vispa Teresa fu protagonista di filastrocche, storielle e fumetti scritti anche da altri autori.

 


Per esempio provate a leggere “Fata Farfallina e Teresa, la vispa” o “La vispa Teresa nel paese delle fiabe” due componimenti di Antonio Rubino.

 

vispa Teresa
Oppure la più recente (2001) “La vispa Teresa” di Antonella Ossorio.

 

La vispa Teresa

Illustrazioni di: La farfalletta (La vispa Teresa) sono opera di Sergio Tofano (Sto), tratte dal libro: quella povera vispa Teresa – Garzanti – ottobre 1969

 


Se cercate le più belle Filastrocche per Bambini, cliccate qui!

 


Per leggere altre filastrocche dedicate a La vispa Teresa, clicca qui!

quella povera vispa Teresa
Per leggere altre filastrocche tratte da “quella povera vispa Teresa”, clicca qui!

13 commenti su “La farfalletta (La vispa Teresa)”

  1. glacilius98 says:

    bella favoletta

  2. Sara says:

    Molto Tenera!

  3. ELLERY says:

    E’ TROPPO BELLA!!!!!!!

  4. barbara says:

    Questa poesia la studiò mia nonna a scuola nel 1885. La imparai da lei.

    1. susana civitate says:

      Anch’io l’ho imparata dal mio padre…

  5. nonna belarda says:

    Mia nipote di 12 anni non la conosce !!! Io la imparai da bambina

  6. Marina Dacqua says:

    Anch’io la imparai da mia nonna – classe 1898 – e mi sembra di averla sempre saputa. Credevo fosse qualcosa come Pinocchio, che tutti gli italiani sanno chi e cos’è.

  7. Maria Teresa says:

    Sono nata e vivo in Argentina… Ho imparato questa poesia da mia mamma (classe 1923) e la recitai quando avevo sei anni in una festa della Società Italiana Unione e Benevolenza del mio paese… Con dolcezza ricordo ancora gli applausi del pubblico e le malinconiche lacrime di qualche signora!!!

  8. Vecchia Maestra says:

    Peccato che i bimbi di oggi non la conoscano perchè ormai quasi nessuno gliela recita più

  9. daniele says:

    Il grande Umberto Eco in una splendida lettera a suo nipote concluse con queste parole “Coltiva la memoria, dunque, e da domani impara a memoria “La Vispa Teresa”.” La lettera completa vi invito a leggerla qui: http://espresso.repubblica.it/visioni/2014/01/03/news/umberto-eco-caro-nipote-studia-a-memoria-1.147715?refresh_ce

  10. Caroline Machado says:

    Sou brasileira, e aprendi esta poesia com minha avó adotiva, que hoje está com 93 anos. Ela aprendeu com sua mãe, que nasceu em Tirol, e lembra até hoje saudosamente, toda a poesia.
    É interessante como uma poesia pode ultrapassar fronteiras e gerações, e continuar fazendo história.

  11. Maria Teresa Gallini says:

    a 3 anni (1948) io la recitavo in piedi sul tavolo del tinello così (fra le risate generali e la richiesta di un interprete!!): a finfa Teéna avea ta lebetta a vòo ciopesa gentì fafaetta, e tutta gnugniva gnegnendoa viva ghidava distesa ò pegia ò pegia.
    E tu finfando a finfa dodò vivendo e vovando che mae fo? tu cì fai mae gnegnendo àe…(poi non la ricordo più!!)

  12. Rina garnus says:

    Questa poesia la imparai da mia nonna negli anni sessanta.la ricordo sempre con affetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dove vuoi andare?